Bruno Nicolai

Bruno Nicolai è nato a Roma il 26 maggio 1926. Ha studiato al Conservatorio di S. Cecilia di Roma Composizione con Goffredo Petrassi, Antonio Ferdinandi e Pianoforte con Aldo Mantia; presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra, Organo con Ferruccio Vignanelli. Compositore, pianista, organista, direttore di orchestra ed editore, ha insegnato Armonia e Composizione alla Scuola Comunale di Musica di Frosinone e al Conservatorio di Bologna. Dal 1950 al 1964 ha collaborato, come pianista, organista e clavicembalista, con l’Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e della RAI.

Nel 1966, ha fondato, insieme ad alcuni colleghi, il Gruppo di musica da camera per la musica contemporanea che diresse alla Biennale di Venezia, al XXVII Festival di Musica Contemporanea (6-16 settembre 1964) con la Sinfonia per 8 strumenti, da lui composta.

Tra le composizioni di Nicolai, si segnalano in particolare,: Quattro odi di Orazio per baritono e 9 strumenti (1951); Overture per orchestra (1952) e Sonata per viola, pianoforte e percussioni (1959).

Ha composto musiche di scena per molte fra le più importanti Compagnie e per i più prestigiosi Teatri stabili italiani. Fra le sue opere teatrali: La forza di amare (Assisi 1968) e L’uomo è solo (libretto di E. Marsili).
Ha ideato le colonne sonore per diversi programmi radiofonici e televisivi: Vita di Michelangelo (1964), Caravaggio (1967), Il malato immaginario (1970), Eleonora (1973), Don Giovanni in Sicilia (1977), La vigna delle uve nere (1984), La coscienza di Zeno (1988), etc..
Realizzò allestimenti scenico-acustici per l’Istituto Nazionale del Dramma Antico: Ecuba, Siracusa 1962; Gli Uccelli, Pompei 1964 (regia di Giuseppe di Martino in cui utilizzò le Ondes Martenot) e le musiche di scena del Filottete al Teatro Greco di Tindari (Taormina 1959).

Autore di numerosi commenti musicali in spettacoli teatrali per registi noti come Franco Zeffirelli (La lupa 1969), Guido Salvini, Giorgio Strehler, Silverio Blasi e Mario Ferrero, è stato maestro sostituto nelle stagioni di Opere da camera al Teatro La Cometa a Roma. Dal 1955 al 1960 ha collaborato con Luchino Visconti e di questa collaborazione con il grande regista si ricordano le musiche di Le tre sorelle (1952) e Uno sguardo dal ponte (1958).

Con Mondo cane n. 2 di Gualtiero Jacopetti del 1963 e fino agli anni ’80, ha composto musica per il grande schermo italiano, per quello francese e inglese. Tra i suoi film più importanti citiamo: Robinson Crusoe, Il naufrago del Pacifico (1951); Il conte Aquila (1954); Il marchese de Sade (1968); Justine (1969); Paolo e Francesca (1971); Gli fumavano le Colt (1971), Una giornata spesa bene (1972), Centomila dollari per Ringo (1966); Corri, uomo corri (1968); Gli occhi freddi della paura (1971).
Nel 1983 ha composto la colonna sonora per il film di Ermanno Olmi, Cammina Cammina.
Per le sue doti interpretative è stato chiamato a dirigere le colonne sonore di Carlo Rustichelli, Luis Bacalov, Nino Rota ed Ennio Morricone.

Nicolai si è impegnato personalmente e concretamente per sostenere i compositori di musica contemporanea e fondò, nel 1975, la casa editrice EDI-PAN. L’EDI-PAN ha prodotto un ampio catalogo di musica classica, di opere dal Medioevo al Barocco e dal Novecento alle avanguardie
Sempre seguendo l’intento di promuovere la musica contemporanea Nicolai ha fondato, nel 1977, la Cooperativa musicale «La Musica» alla quale si aggiunse la pubblicazione, nel 1985, della rivista «1985 La Musica».

Con la sua scomparsa, avvenuta nel 1991, la musica dei nostri tempi perde oltre ad un autore eclettico, affermatosi in tutti i settori della musica, anche un appassionato propagandista e diffusore, dotato di creatività autorale e di solide capacità organizzative. E […]questo accoppiarsi di qualità (già difficili da trovarsi) e queste sue capacità le aveva poste anche al servizio dei suoi colleghi (Bollettino SIAE nr 5 – L.Bideri,1991).